Close
Type at least 1 character to search

Digitalizzazione: la key word del nuovo decennio.

In un mondo sempre più digitalizzato bisogna restare al passo con i tempi e i cambiamenti, guardare al futuro e prevedere quali campi verranno implementati e quali, invece, i trend da tener sott’occhio.

Prima fra tutti la Customer Experience che, da sempre, routa attorno al cliente, ormai consapevole di ciò che vuole e fedele al mondo degli acquisti online. Gli utenti scelgono prevalentemente prodotti e servizi capaci di rispondere ai loro bisogni e alle loro aspettative, grazie alle nuove tecnologie avanzate. Le aziende B2B, su modello di quelle B2C, si stanno affacciando da poco a questo settore, affrontando numerose questioni, come la privacy online e la dieta digitale, già affrontata da Instagram con la rimozione dei likes e notificando il tempo di utilizzo dell’applicazione, eliminando così l’assuefazione da social networks.

Ma anche l’Influencer Marketing, un procedimento molto importante, soprattutto nella fase d’acquisto, muterà. I contenuti creati dagli influencers parlano direttamente al proprio pubblico, annullando le distanze e creando un rapporto di fiducia reciproco, ma nel nuovo decennio verrà data maggior visibilità ai Micro Influencers, più piccoli e di nicchia, che permetteranno di raggiungere in maniera più semplice e mirata il target prescelto dall’azienda.

Ultimo, ma certamente non per importanza, sarà la Realtà aumentata, che diventerà parte integrante delle strategie creative e delle campagne pubblicitarie, migliorando l’user experience. La realtà aumentata sarà la protagonista, la stella più luminosa nella costellazione della digitalizzazione di questo 2020 e potrà essere utilizzata nei più svariati campi, dal mondo del design fino a quello del turismo passando per il food. Il coinvolgimento e la partecipazione attiva dell’utente raggiungeranno i massimi livelli, accompagnati dal 5G, che favorirà lo scambio di dati in maniera rapida, e dalla diffusione di nuovi smartphone con lenti con profondità 3D, una rivoluzione che sarà sempre più evidente man mano che nasceranno applicazioni e dispositivi in grado di sfruttarne le peculiarità. Strumenti che aumenteranno l’engagement e annulleranno il divario tra online ed offline, immergendoci in un mondo sempre più digitalizzato.