Close
Type at least 1 character to search

L’eCommerce ai tempi del Coronavirus.

Le misure imposte per contenere l’epidemia di Coronavirus stanno cambiando profondamente le abitudini delle persone, anche per quanto riguarda i metodi d’acquisto. Quarantene forzate e smart working obbligato ci conducono ad una vita molto più casalinga e ciò si riflette anche sui consumi.

Crescono gli acquisti online di prodotti e accessori per la cura alla persona come rasoi, asciugacapelli, detergenti, creme, ma anche la richiesta di beni di prima necessità, come prodotti per cucinare. Salgono inoltre, ben sopra il 70%, le richieste per farmaci e tutto ciò che ha a che fare con le cure mediche; e in notevole l’incremento anche i servizi d’intrattenimento online, videogiochi e soprattutto servizi legati al lavoro da remoto, dove le app più scaricate nell’ultimo periodo sono diversi sistemi per il lavoro da casa, come Hangout Meet di Google o Google Classroom.

Non sappiamo quanto durerà questa emergenza che limita fortemente gli spostamenti delle persone ed i contatti sociali per la paura del contagio. Molti analisti affermano, tuttavia, che il nostro modo di vivere subirà dei cambiamenti e tra questi, probabilmente, i comportamenti d’acquisto.

In un periodo di cambiamenti statici, trova terreno fertile un’opportunità dinamica per alcune aziende che forniscono servizi digitali. Già da tempo le imprese sono state chiamate ad un nuovo sistema di vendita: l’eCommerce. Seppur siano ormai tante le aziende che hanno puntato sul commercio online, è ancora rilevante il numero di imprenditori che non vede di buon occhio questo business.

Per molto tempo dovremo vivere in condizioni di distanza, che indurranno molte persone a stare lontano dai negozi di ogni genere, dunque fare affidamento soltanto sul punto vendita fisico diventa rischioso. Chi in questa fase è in possesso di un negozio online ha ridotto il grosso calo di guadagni rispetto ai concorrenti. Le aziende sono quindi chiamate a rivedere le proprie scelte di marketing. Il mondo dell’eCommerce, però, non è improvvisazione, ma è strategia.

Ogni investimento deve essere orientato e seguito da una web agency, con un team di professionisti. In una situazione eccezionale come quella di oggi bisogna essere flessibili ed in grado di soddisfare una domanda anomala ed accogliere all’unisono il mondo digitale.